La metafora del cane: la verità e lo slavejournalism nel mediatico processo-farsa contro Anastasiya Kylemnyk

Il caso di Luca Sacchi e gli orrori di un mediatico processo-farsa

Anastasiya, l’altra storia

Storie Nella tarda sera del 23 ottobre 2019 Luca Sacchi viene ucciso. Questo fatto, genera storie. Ma una sola si impone su tutte le altre, già narrate o ancora da scrivere. Inizia il capogruppo della Lega alla Camera, Riccardo Molinari: è indegno accostare Luca Sacchi all’idea di un drogato, afferma riferendosi a una frase del…

L’omicidio di Luca Sacchi e gli orrori di un processo mediatico

“E stato tradito da chi lo doveva amare. E invece lo ha fatto uccidere”. Diffamazione aggravata. “Anastasiya stava con Luca solo per fare i suoi interessi […] l ho capito subito lei è la colpevole la fatto ammazzare lei […] è soprattutto lei deve marcire Deve soffrire, deve essere messa in una gabbia chiusa e…

Processo all’odio. La manipolazione dell’informazione contro Anastasiya Kylemnyk

Una stampa cinica e mercenaria, prima o poi, creerà un pubblico ignobile – Joseph Pulitzer Premesse Metodo Come il processo mediatico può influenzare il processo reale. Linee generali La fabbrica dell’odio I rituali di degradazione L’orda dell’odio La leadership dell’odio Il blob dell’odio La spirale del silenzio La negazione del contraddittorio e altre (possibili) violazioni…

Chi sono le vere serpi? Menzogne e altre infamie contro Anastasiya Kylemnyk

“Queste ragazze hanno un’idea poi dell’Italia mediata dai programmi televisivi, per cui sono convinte che tutto sia facile, che tutto sia a portata di mano, che tutti vivano vite diverse. Perché senz’altro noi italiani viviamo vite diverse rispetto a quelle dei Paesi di provenienza di queste ragazze. Però sono ragazze che non si accontentano nemmeno…

Esiste un collegamento tra la Bestia e il mediatico processo farsa contro Anastasiya Kylemnyk? Segni del sovranismo nei depistaggi mediatici sul caso Sacchi.

Più volte, analizzando il mediatico processo-farsa contro Anstasiya Kylemnyk, si è visto il marchio della Bestia salviniana e il segno della destra sovranista. Adesso, alla luce degli ultimi avvenimenti, è bene rivedere una sintesi del tutto. Perché è successo che… Appena subito dopo l’omicidio, il triumvirato delle Lega si è scagliato a difesa di Luca…

Salvini e le sue Bestie, uno tra “i maggiori gestori di ogni forma criminale capitolina” e un giornalismo infame: le verità dietro il linciaggio mediatico di Anastasiya Kylemnyk

Povera MAMMA! ANASTASIA PUTTANA lunga vita piena di sofferenza e tortura!!! maledetta e poco togliere un figlio alla madre è poi infangarlo pure e da seppellire viva quella merda di ragazza la solita ragazza dell’est in cerca di soldi ti ha portato via il figlio è deve pagare mi dispiace che un’intera famiglia per 5…

La verità sul mediatico processo-farsa contro Anastasiya Kylemnyk

Salvini è un cliente e quindi??? La frase è tratta da uno scambio di commenti con un individuo che si presenta come un “amico intimo del padre di Luca”. [vedi immagine più sotto]. Quindi, parliamone. Quindi Matteo Salvini frequenta la Taverna Le Coppelle di Alfonso Sacchi. Bene. La conclusione è ovvia: Matteo Salvini conosce la…

Le parole dei demoni: allusioni, messe in scena, abolizione della verità nel mediatico processo-farsa contro Anastasiya Kylemnyk

Quarto Grado, puntata di venerdì 18 febbraio. Nella parte dedicata al caso Sacchi, ovvero al vassallaggio verso la famiglia Sacchi, perché quando siamo in questa trasmissione le cose stanno così, si sono visti due episodi che confermano quanto ho appena affermato. 1) Dopo che sono state esposte in modo quasi giornalistico alcune parti dell’arringa dell’avvocato…

“Questa è la casa del processo, non i salotti televisivi!” Brani dalla requisitoria dell’Avvocato Giuseppe Cincioni, difesa di Anastasiya Kylemnyk

“Queste ragazze” – Sul processo mediatico “La sua vita in piazza” – Sulla privacy “Io sono fiera di te” – A proposito di soldi “Queste ragazze” – Sul processo mediatico. Trascrizione Dicevo, connotato mediatico, non ne parlerei se non se ne fosse parlato, non ve ne parlerei perché per me continuo a ritenere, ferma naturalmente…

“Agirono all’unisono fin dall’inizio al fine di scatenare odio contro la vittima, consapevoli dei rischi cui la esponevano”: le motivazioni (ucroniche) delle condanne contro Gianluigi Nuzzi e Quarto Grado

Processo Sacchi. La condanna di Anastasiya Kylemnyk a tre anni in Primo grado rappresenta la condanna definitiva di Gianluigi Nuzzi, Alessandra Viero, Carmelo Abbate e dell’intera Quarto Grado. Quarto Grado che, fin dall’inizio, attraverso la manipolazione delle informazioni, con la fattiva e partecipe collaborazione degli avvocati della famiglia Sacchi e della stessa coppia, ha fatto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: